Warning: DOMDocument::loadXML(): Start tag expected, '<' not found in Entity, line: 1 in /home/socialmediaitali/public_html/wp-content/plugins/premium-seo-pack/modules/title_meta_format/init.social.php on line 481
wholesale jerseys cheap nike jerseys cheap jerseys cheap throwback jerseys cheap nike nfl jerseys wholesale wholesale authentic soccer jerseys mlb jersey wholesale
martedì , 19 settembre 2017
Home / Social Media / Social Media Week: costruire una digital strategy efficace
social_media_pins

Social Media Week: costruire una digital strategy efficace

Durante la Social Media Week è stato spiegato come costruire una digital content strategy di successo sul web.

La Social Media Week, si è chiusa  a Roma. Oggi vogliamo raccontarvi la conferenza che ha istruito i tanti partecipanti su come costruire una digital content strategy efficace.

Relatori:

Mirko Pallera – Digital Branding Strategist, Create! Group, Ninja Marketing, Ninja LAB

Jon Mowat – Owner, Hurricane Media (la sua porzione di conferenza è stata tenuta in lingua inglese).

Una digital strategy di successo parte sempre dalla costruzione di una storia e da un progetto virale. La storia da raccontare deve essere semplice, inaspettata, concreta, credibile ed emotiva al tempo stesso. L’importanza di offrire contenuti stupendi è spesso sottovalutata, le storie devono contenere grandi contenuti che vengono recepiti come sinonimo di un ottimo brand.

Partendo da una scena del film “Social Network”, Pallera ha scherzosamente fatto notare cheFacebook stesso è partito per scoprire qualcosa su una ragazza, e cioè da un sentimento, che resta la base di qualsiasi campagna pubblicitaria si voglia creare.Infatti virale è la condivisione sociale delle emozioni: rabbia, gioia, tristezza, paura e sorpresa sono quelle più utilizzate, con la sorpresa che resta quella più efficace.

La formula per una digital strategy ottimale secondo Mirko Pallera è data da questi termini fondamentali: catarsi (dare vita e forza alle emozioni), riusabilità (utilizzare contenuti che possono essere riadoperati continuamente per raccontare qualcosa di sè),emozioni appunto, archetipi (energia sociale e storytelling, delle forme quindi che ci spingano a fare un viaggio interiore) utilizzando come esempi (molto diversi tra loro) Dio, il mistero, la guerra, i gattini, il sesso, ed infine l’elevazione dello stato virale, sociale e spirituale delle persone.

Pallera ha chiuso la sua conferenza con una pillola di psicologia, affermando che per riuscire in questo campo come in qualsiasi altro servono 3 ingredienti: 1) intenzione(intesa come desiderio di dare), energia (data dalla gratitudine per quello che si ha e da un corretto stile di vita da tenere) e da un’azione costante, generosa e senza paura.

Jon Mowat ha invece enumerato i punti fondamentali di una digital strategy in questo modo e secondo una terminologia che non necessità di particolari traduzioni:

1) Decide your arms

2) Know who you are (quale parte di voi e del vostro brand volete valorizzare)

3) Understand your audience

4) Think like a publisher (ma sempre in maniera positiva, ottimistica)

5) Emotion of facts (bei contenuti creano per forza delle emozioni)

6) Make the right type of content

7) Let other people do the work

8) Be social – Don’t do social

9) Develop Guidelines

10) Make a content map

11) Shout (compiere le azioni prestabilite)

12) Measure and Changes (è fondamentale verificare per poter apportare gli opportuni cambiamenti)

E’ importante essere sempre spiritosi nella propria digital strategy, ma attenzione perché se creiamo un contenuto divertentissimo ma non collegato al nostro prodotto, il primo farà milioni di condivisioni ma nessuno comprerà comunque il nostro prodotto.

Fonte: biancolavoro.it

Commenti

Lascia il tuo commento