Warning: DOMDocument::loadXML(): Start tag expected, '<' not found in Entity, line: 1 in /home/socialmediaitali/public_html/wp-content/plugins/premium-seo-pack/modules/title_meta_format/init.social.php on line 481
wholesale jerseys cheap nike jerseys cheap jerseys cheap throwback jerseys cheap nike nfl jerseys wholesale wholesale authentic soccer jerseys mlb jersey wholesale
venerdì , 28 luglio 2017
Home / Social Media / Quali sono i canali migliori per fare social media marketing B2B?
social-media-marketing-sm

Quali sono i canali migliori per fare social media marketing B2B?

Oggi, se la maggior parte delle destinazioni turistiche sono consapevoli della necessità di utilizzare i social media per comunicare e promuoversi, tuttavia devono ancora imparare ad ottimizzare la scelta dei canali da utilizzare sia per diffondere il giusto messaggio e la giusta immagine sia per raggiungere il pubblico di interesse.
Si parla sempre di come i social media siano un’opportunità unica per raggiungere i turisti, il mercato in generale, ma mai di quanto possano essere ugualmente utili dal punto di vista del business, per stabilire contatti professionali e creare reti di relazioni lavorative con gli stake holder del territorio, con gli intermediari, con i cittadini e con chiunque abbia un ruolo strategico per una destinazione turistica.

Quali sono quindi i canali migliori per fare social media marketing B2B?
Sicuramente Linkedin è quello più conosciuto: è pensato apposta per fare business e stabilire rapporti professionali. Negli Stati Uniti, per esempio, oltre il 90% dei marketer lo utilizza. Questo social network genera molto traffico verso il sito istituzionale rispetto ad altri social media e, oltre ad offrire interessanti opportunità di marketing, come per esempio pubblicità mirate e targettizzate, è un ottimo strumento per connettersi con le persone sia attraverso i gruppi sia tramite email personali.

In ogni caso, Linkedin non è il solo social media valido per fare B2B marketing. Molti esperti ritengono che anche Twitter, Facebook, Google+ e You Tube possono essere utilizzati per stabilire connessioni B2B.
Twitter per esempio è un eccellente strumento per i professionisti sia per chattare, scambiandosi messaggi rapidi e veloci, sia per cercare nuove prospettive di business. Se Linkedin può essere paragonato ad una giornata di lavoro, Twitter sicuramente rappresenta il cocktail party durante il quale si possono allacciare nuovi contatti e allo stesso tempo coltivare le relazioni esistenti attraverso appropriate azioni di Pr. Rispetto a Facebook per esempio, Twitter ha il vantaggio di consentire maggiori scambi personali ed individuali.

Facebook in confronto potrebbe risultare meno efficace ma offre comunque interessanti opportunità per interagire con gruppi ed organizzazioni. Inoltre, è molte utile per comunicare eventi e per effettuare promozioni online, oltre al fatto che può essere utilizzato per effettuare azioni mirate di email marketing.

Uno dei vantaggi principali di Google + invece è la sua capacità di favorire il ranking nei motori di ricerca. Semplici azioni come la condivisione di un contenuto possono favorire il posizionamento del proprio profilo business. Inoltre, le pagine business offrono alle destinazioni e alle aziende turistiche l’opportunità di costruire relazioni tra di loro.

Non si può dire la stessa cosa per You Tube: pensare di stabilire connessioni o amicizie sulla sua pagina di commenti non è infatti una buona idea. Tuttavia, le capacità di questo social media possono essere sfruttate per promuovere determinati servizi e prodotti. Non bisogna infatti dimenticare che i video possono essere caricati su You Tube ed essere incorporati in numerosi siti, includendo il link al proprio blog o sito istituzionale. E un buon video è in grado di generare un consistente traffico in entrata.

Tuttavia, sicuramente la cosa più importante, prima di effettuare delle scelte casuali, è definire un social media marketing plan, in modo tale da fissare obiettivi chiari, individuare quale pubblico si intende raggiungere e stabilire le azioni che si vogliono realizzare. Altrettanto importante è scoprire dov’è il pubblico di interesse: non necessariamente infatti si trova nelle piattaforme social più importanti. I canali social e i forum di nicchia cui partecipare sono tantissimi, magari sono meno conosciuti ma sono ugualmente validi per fare business.
Inoltre, se si è in grado di costruire e diffondere contenuti efficaci è probabile che sarà proprio il pubblico stesso a cercarti.

Quindi, di fatto, per fare un buon social media marketing B2B non è necessario essere presenti su tutti i canali social, ma è utile identificare quei due o tre che meglio si prestano per raggiungere i propri obiettivi e la propria audience: targettizzando le giuste piattaforme social sicuramente si otterranno ottimi risultati.

Fonte: http://www.fourtourismblog.it

 

PER INFO SUI SERVIZI DI SOCIAL MEDIA VAI SU KABUTO.IT

 

 

Commenti

Lascia il tuo commento