Warning: DOMDocument::loadXML(): Start tag expected, '<' not found in Entity, line: 1 in /home/socialmediaitali/public_html/wp-content/plugins/premium-seo-pack/modules/title_meta_format/init.social.php on line 481
martedì , 30 maggio 2017
Home / Social Media / Il 96% dei giornalisti Uk usano i social media per lavoro
Cision1

Il 96% dei giornalisti Uk usano i social media per lavoro

Quasi tutti i giornalisti del Regno Unito usano i social media per lavoro, tutti i giorni. E’ l’ indicazione di un sondaggio compiuto su 589 giornalisti del paese nell’ ambito del  ‘’2013 Social Journalism Study’’ curato da Cision e dalla Canterbury Christ Church University, secondo cui il 96% è sui social media ‘’tutti i giorni’’ e il 92% usa soprattutto Twitter.

Un fortissimo aumento rispetto al 70% di due anni e all’ 80% che l’ anno scorso diceva di utilizzare Twitter.

Il 42% loro ritiene che i social media ‘’siano così importanti che ormai non sarebbero in grado di svolgere il loro lavoro senza di essi ” , aggiunge il rapporto.

Cision2 Il 96% dei giornalisti Uk usano i social media per lavoroPer quanto riguarda il tipo di testata, i giornalisti delle emittenti televisive ‘’utilizzano i social media nel loro lavoro per almeno due ore al giorno’’,  in una proporzione doppia rispetto a quelli che lavorano per le riviste. E mentre solo l’ 1% degli interpellati che lavorano online hanno ammesso di non usarli quotidianamente, la percentuale sale al 9% fra i redattori dei quotidiani.

Alla richiesta di specificare se i social media avessero migliorato la loro produttività , quest’ anno il 54% ha risposto in maniera affermativa , contro il 39% dell’ anno scorso (ma l’ anno prima era stato il 49%).

Lo studio ha rilevato che Twitter  ”dimostra di essere lo strumento più importante’’, col  92% che dicono di usarlo per lavoro rispetto al 70% del 2011 e all’ 80% dell’ anno scorso .

Sembra che i social media siano utilizzati più spesso per  “la pubblicazione e la promozione” di contenuti (91%)  che per la ricerca di spunti e idee (89%) . Si tratta di un cambiamento rispetto al 2012, osserva lo studio, quando la funzione di  promozione e pubblicazione era stata considerata inferiore a quello della ricerca di notizie (81% contro 84%).

Fonte: http://www.lsdi.it

Commenti

Lascia il tuo commento