Warning: DOMDocument::loadXML(): Start tag expected, '<' not found in Entity, line: 1 in /home/socialmediaitali/public_html/wp-content/plugins/premium-seo-pack/modules/title_meta_format/init.social.php on line 481
wholesale jerseys cheap nike jerseys cheap jerseys cheap throwback jerseys cheap nike nfl jerseys wholesale wholesale authentic soccer jerseys mlb jersey wholesale
martedì , 19 settembre 2017
Home / Social Media / Cucito, cucina, cinture esplosive e social media: la scuola delle donne ISIS
rifles

Cucito, cucina, cinture esplosive e social media: la scuola delle donne ISIS

Niente musica, niente filosofia, niente psicologia; non parliamo di  studi sociali, storia, geografia e letteratura. Il pensiero critico? Non è per le donne. Questo il sistema scolastico di Isis, il movimento che terrorizza il mondo ormai da mesi

Il Messaggero, pubblicando questa notizia, aggiunge che nelle scuole di Siria e Iraq, soggette all’Isis, i maschi studiano tanta “ideologia”, medicina, ingegneria, chimica, fisica, amministrazione, agricoltura e Islam. L’anno scolastico è cominciato regolarmente a settembre.

Ai nuovi programmi scolastici ISIS ha voluto aggiungere anche alcune misure educative a protezione della purezza dei giovani studenti. Tra questi, l’abolizione degli inni nazionali di Siria e Iraq e il divieto assoluto di usare parole come patria, cittadinanza, nazionalismo e patriottismo.

Ma il vero colpo è arrivato nei giorni scorsi con l’annuncio ufficiale dell’apertura di scuole femminili per preparare – si legge nei siti e nei forum riconducibili allo Stato Islamico – “le sorelle ai campi di battaglia della jihad”. Stando a quello che si legge (e che è stato riportato in alcuni media internazionali) la scuola si chiamerebbe al-Zawra (come la più famosa squadra di calcio irachena) e non sarebbe adatta a tutte le donne.

Per entrare a far parte della potenziale élite femminile di ISIS, infatti, è necessario “mostrare un interesse per le cinture esplosive e le bombe più che per i vestiti bianchi, i castelli e i mobili di pregio”.

Le eroine di queste ragazze sono personaggi della tradizione come Nusaybah bint Ka’ab, una donna musulmana che combatté con il proprio marito nella Battaglia di Uhud del 625 (quella in cui, secondo il Corano, venne ferito Maometto) e che riuscì, nonostante le dodici gravi ferite subite, a tagliare via la gamba all’uomo che aveva colpito suo figlio.

Ad al-Zawra le “sorelle della Jihad” possono seguire corsi di cucito e cucina, di pronto soccorso, Islam e Sharia, armi e  di utilizzo dei social media per contribuire, nel ruolo di disseminatrici, alla diffusione del pensiero e degli ideali dello Stato Islamico.

E per quelle che non possono recarsi, per diversi motivi, presso l’istituto c’è anche la possibilità, riporta sempre Il Messaggero, di frequentare corsi a distanza grazie agli onnipresenti video su youtube e al canale appositamente dedicato. A quanto si può vedere nei social la risposta di alcune donne sembra positiva. C’è chi tra loro, se gli account personali sono reali, ha risposto con un emoticon a forma di cuore, felice di aver scoperto che c’è un luogo dove è possibile addestrarsi come “sostenitrice femminile”. E sul canale Youtube è disponibile un video di presentazione della scuola che spiega la filosofia dell’istituzione, le nuove frontiere del reclutamento e del proselitismo.

Fonte: tecnicadellascuola.it

Commenti

Lascia il tuo commento